S. Giacinto Giordano Ansalone – Santo Stefano Quisquina (AG)

Data della Festa:
Domenica successiva al 19 Novembre

La comunità ecclesiale di Santo Stefano Quisquina celebra i festeggiamenti in onore di S. Giacinto Giordano Ansalone dal 1981, anno in cui fu beatificato a Manila e dal 1987, anno in cui fu santificato insieme ad altri compagni martiri da Giovanni Paolo II in piazza S. Pietro a Roma.
S. Giacinto Giordano nasce il 1° Novembre 1598 a S. Stefano Quisquina  da Vincenzo e Lavinia Ansalone  e riceve il nome di Giacinto come risulta nei registri parrocchiali della Chiesa Madre di Santo Stefano. Dopo aver compiuto i primi studi nel convento del Rosario nel paese natio entra con il nome di Giordano nel convento dei domenicani ad Agrigento. Nel 1618 si trasferisce a Salamanca in Spagna per perfezionare gli studi. Nel 1625 parte per le missioni viaggiando a piedi fino a Siviglia, sosta in Messico e poi arriva a Manila, nelle Filippine, e si dedica alla cura degli ammalati. Nel 1632 è in Giappone ove visita ed anima i cristiani sparsi nelle varie zone e provati dalla persecuzione. Nel 1633 gravemente infermo è costretto a fermarsi a Nagasaki. Guarisce in un tempo miracolosamente breve e riprende il lavoro. Da agosto del 1634 è in carcere e viene interrogato e torturato in vari modi,
Il 17 novembre consegue la corona del martirio insieme a numerosi altri cristiani.
La festa inizia il 19 novembre festa liturgica del Santo con la celebrazione della messa solenne e si conclude la domenica successiva con la processione per le vie del paese e lo sparo di giochi pirotecnici.

Testo a cura del nostro collaboratore Alessandro Mistretta

Galleria Fotografica
Foto a cura del nostro collaboratore Alessandro Mistretta

vi consiglia:

4.064 visualizzazioni


Consigliamo