Venerdì Santo – San Giovanni Gemini (AG)

Data della Festa:
Venerdì Santo

Nella tarda mattinata del Venerdì il lungo corso che congiunge la punta estrema della Città con la Chiesa Madre si trasforma in Golgota purificatore per accogliere la Via Crucis cittadina: pur mantenendo l’impostazione tradizionale le stazioni ogni anno sono affidate a categorie differenti che con le loro ansie e preoccupazioni, sofferenze e angosce rendono attuale il messaggio salvifico della Croce. A mezzogiorno in punto le statue del Redentore e dell’Addolorata rientrano in Chiesa e un Crocifisso con le braccia e la testa snodabili viene posto in croce dai Sacerdoti: il dislivello tra il luogo della crocifissione e la navata occupata dai fedeli crea l’effetto proprio di un evento che sovrasta gli astanti quasi a incombere con potente forza drammatica. Nel pomeriggio terminata la Liturgia “In Passione Domini”, durante l’ultima predica delle sette parole gli sguardi di tutti sono rivolti al Crocifisso, cui, per mezzo di una cordicella viene fatto abbassare il capo.
La processione di Gesù morto in una artistica urna del settecento chiude la giornata.
La passione è un tema ricorrente nella letteratura popolare sangiovannese: sopravvivono tra i più anziani canti e preghiere dialettali, espressione di una fede semplice e genuina, che hanno per temi centrali la ricerca del Figlio da parte della Madre:

“Agghiurnà u venniri matinu
A Madonna si misi ‘ncamminu.
‘Ncontra San Giuvanni ppi a via e ci dici:

– Unni iti Matrizza mia?
– Vaiu circannu a Gesù Nazzarè.
– Iti nni Pilatu ca u truvati chiusu e ‘ncatinatu.
Tuppi Tuppi.
– Cu è?
– Sugnu la Matri di Gesù Nazzarè! O Figliu, Figliu! Chi ladiu suannu maiu sunnatu: maiu sunnatu ca ti livaru la cruna d’oro e ti misiru chidda di spini..
– Veru è Matrizza mia, cu dici tri voti venniridia, venniridia, venniridia si nni va ‘nparadisu ccu la Matrizza mia;

E l’invito al pentimento dei propri peccati:

“Tu ca duarmi ‘nta stu liattu
A Dio pirdisti u rispiattu.
Susiti prestu e un tardari ca Dio ti voli Pirdunari”.

Testo a cura del nostro collaboratore Vincenzo Scrudato

Galleria Fotografica
Foto a cura dei nostri collaboratori Nicola Caracciolo e Valeria Di Grigoli

vi consiglia:

5.354 visualizzazioni


Consigliamo