SS. Fratelli Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino – Processione delle Reliquie – Trecastagni (CT)

Data della Festa:
8 Maggio

Ecco, finalmente la giornata delle reliquie è arrivata, oggi tutti i fedeli staranno assieme con il vero corpo e la vera presenza fisica dei Santi Martiri, perchè i Santi Fratelli passano realmente con loro corpo, quello che ne resta in alcuni frammenti, per le vie del paese a benedire tutte le case, i fedeli e tutta la cittadinanza.
Questo è un giorno di grande importanza perchè si porta in processione il vero corpo dei Santi Martiri, e lo si fa nel modo più solenne possibile, in un clima di riflessione e preghiera.
Tutta la cittadinanza si stringe attorno ai suoi Santi Martiri per accompagnarli nella via, quella stessa un cui un tempo passarono scortati dai soldati per andare verso Lentini per essere martirizzati; allora come ora al loro passaggio benedivano la gente ed operavano miracoli, ed oggi il loro più grande miracolo è quello di attirare un sacco di gente a Cristo e alla Chiesa, ed in questi giorni se ne ha l’occasione di farsene una ragione.
Questo è il giorno più meditativo e ricco di preghiera perchè, non essendoci manifestazioni folcloristiche con fuochi d’artificio o altro, l’attenzione si riversa soltanto ai Santi Martiri presenti nelle loro reliquie e, con la preghiera, essi si sentono presenti nel cuore di ogni fedele devoto; tutta la comunità prega Dio Padre insieme ed in comunione con Maria ed i Santi Martiri.
Intorno alle ore 18,15 partono dal Santuario la confraternita S. Alfio e tutti i gruppi della parrocchia per dirigersi verso la chiesa madre per la S. Messa solenne celebrata dal rettore della chiesa madre, ed all’arrivo in chiesa, alle ore 19,00 incomincia la S. Messa a cui si aggiungono alla celebrazione anche le alte cariche della cittadinanza con il testa il sindaco di Trecastagni con gli assessori comunali.
Al termine inizia la processione verso il Santuario a cui si sono aggiunte i gruppi della chiesa madre, le rappresentanze del comune, i gruppi esterni invitati per l’occasione ed ovviamente le reliquie che per tutto il pomeriggio erano state lasciate esposte in chiesa madre alla venerazione dei fedeli.
A sfilare precisamente ci sono stati: gruppo di preghiera “Padre Pio”, le Benemerite, le crocerossine dell’UNITALSI, il gruppo Madonna dell’Aiuto, il Circolo S. Nicola, il Circolo S. Antonio di Padova di Gravina di Catania e la confraternita S. Alfio e Madonna delle Grazie del paese di Sant’Alfio invitati per l’occasione, in cui gli ultimi hanno portato la loro reliquia che venerano nel loro paese;  inoltre hanno partecipato alla processione tutti i gruppi del Santuario tra cui il gruppo accoglienza a cura della consulta giovanile, “Associazione Cereo dei SS. MM. Alfio, Filadelfo e Cirino”, gruppo “Custodi e tiratori del fercolo dei Santi Martiri” , la “Confraternita S. Alfio” del Santuario, il clero con i ministranti, i sacerdoti con le reliquie, ed a seguire il sindaco con gli assessori ed il popolo.
La processione, percorrendo la via  Umberto e risalendo da via Vittorio Emanuele, passando dalla chiesa di S. Antonio Abate, arriva al Largo dei Bianchi dove fatta una sosta per l’esecuzione della “Cantata” in onore dei Santi Martiri, eseguita dal corpo bandistico di Trecastagni e dalla corale parrocchiale “Don Salvatore Romeo” sul palchetto in legno allestito davanti il sacrato della chiesa dei Bianchi.
Al termine, tra il lancio di carte multicolori e il successivo paro dei fuochi artificiali viene impartita una benedizione solenne con le reliquie alla folla e a tutto il paese.
Questo è un momento molto commovente per chi è un vero devoto perchè in quel caso sono gli stessi Santi Martiri, vivi e veri, insieme a Gesù, che ci donano la loro benedizione, a noi e a tutto il popolo, prima qui, al centro del paese, e poi davanti il Santuario, fulcro del loro culto e devozione; infatti dopo la processione riprende il suo cammino passando dal corso Sicilia, entrando dentro la fiera e passando in mezzo alle bancarelle.
È da notare che quando le reliquie passano in mezzo alle bancarelle per un attimo sembra che il tempo si fermi perchè tutta la gente che guarda gli articoli che si vendono nella bancarelle, e sopratutto i venditori, al passaggio improvvisamente si fermano dal loro lavoro, si zittiscono e si fanno il segno della croce in saluto e rispetto dei Santi Martiri.
All’arrivo in Santuario, come detto in precedenza, si ha un’altra benedizione solenne alla folla in conclusione della processione: questo non è un addio o un congedo dei Santi Martiri, ma un arrivederci al 10 maggio quando loro verranno svelati nella cameretta; i Santi Martiri sono sempre presenti, e ci invitano a continuare a pregare ed a meditare il significato del gesto del martirio.
Il prossimo appuntamento è previsto con i Santi Martiri per il giorno seguente per la conclusione del novenario e la sera per la veglia in attesa dei devoti detti “nudi” che verranno per voto a piedi dai loro paesi di provenienza percorrendo anche tanti chilometri, molti dei quali a piedi scalzi,  infine il secondo appuntamento è quello della  svelata del 10 maggio delle ore 9,00. Con le  manifestazioni esterne l’appuntamento è invece previsto per la sera successiva con “l’entrata dei cantanti” con lo sparo in piazza Marconi e nella zona campo sportivo di grandiosi fuochi pirotecnici offerti dai tre partiti del paese, che sono il partito “S. Alfio”, il partito “Tondo” ed il partito “Collegiata”.

Testo a cura di Vincenzo Zappalà

Galleria Fotografica
Foto a cura di Vincenzo Zappalà

Gallerie Fotografiche Anni Precedenti
Foto a cura di Vincenzo Zappalà e del nostro collaboratore Giovanni Crisafulli

vi consiglia:

9.516 visualizzazioni


Consigliamo