SS. Crocifisso – Castroreale (ME)

Data della Festa:
23 e 25 Agosto

Il 23 e il 25 Agosto Castroreale diviene scenario di una singolare processione, una commistione antica e attuale allo stesso tempo di fede radicata e di ispirazione folkloristica.
L’istituzione della festa del SS. Crocifisso in questa città risale al 1854, anno del colera e del celeberrimo miracolo del Crocifisso di Castroreale.
La vara del SS. Crocifisso è denominata “U Signori Longu”, “Il Cristo Lungo”, a motivo dei suoi quasi quattordici metri di lunghezza, che superano, nel corso della processione, i tetti dei palazzi. Essa è formata da un pesante fercolo sul quale viene inalberato un palo dipinto di nero, alla cui sommità è fissata la Croce con l’immagine in cartapesta del Cristo. La vara è portata a spalla, e mantenuta in equilibrio da lunghe pertiche di legno terminanti con una forcina in ferro, fissate al palo del Cristo.
La processione non percorre molte vie, in quanto lenta e resa difficoltosa dal peso e dalla lunghezza della vara; i portatori, infatti, sono impegnati a mantenere un sottile equilibrio. Il corteo processionale è composto e attento a seguire, col fiato sospeso, le varie fasi della festa.
Emozionanti sono anche i momenti dell’inalberamento e dell’abbassamento dell’altissima Croce, in cui abili manovratori sono impegnati affinché tutto riesca alla perfezione.
“U Signori Longu” di Castroreale supera tutte le costruzioni della città, eccetto il campanile della Chiesa del SS. Salvatore e la Chiesa Madre. Solo all’interno di quest’ultima, infatti, la Croce , una volta inalberata può liberamente muoversi, sfiorando il tetto della navata centrale.
Il Crocifisso è custodito all’interno della Chiesa di S. Agata V. e M., e viene portato in processione, oltre che il 23 e il 25 Agosto, anche il Mercoledì e il Venerdì Santo. In genere le condizioni atmosferiche non rappresentano un ostacolo all’effettuazione della processione, ma se questa diviene proprio impossibile a praticarsi, il Crocifisso viene trasportato in posizione orizzontale, o direttamente inalberato all’interno della Chiesa Madre.
Da sottolineare come, la grande fede e la devozione dei castrensi al SS. Crocifisso, abbia fatto sì che la Festa del “Signore Lungo” sia stata sempre celebrata, anche nei terribili anni della prima e della seconda guerra mondiale, con la sobrietà e l’assenza di sfarzi che il momento esigeva.
Nell’anno 2004, la città di Castroreale ha celebrato il 150° Anniversario del Miracolo e dell’istituzione della Festa, e ogni anno, centinaia di fedeli e turisti si recano in questa città per onorare il SS. Crocifisso e partecipare a questa singolare processione.
Il trasporto processionale dell’ artistica e miracolosa immagine attraverso le poche vie percorribili della città di Castroreale, che presentano a volte notevole pendenza, impegna circa 60 persone e richiede grande attenzione e sapiente coordinamento di movimenti tra “Maestri di Forcina” e “Portatori della pesante Vara”.
Il 23 di Agosto il “Cristo” viene portato in processione dalla chiesa di S. Agata, in cui è custodito tutto l’anno, al Duomo di Maria SS.ma Assunta.
Il 25 Agosto,invece, dopo le  SS.me Messe, alle ore 19:00 il “Cristo” esce trionfalmente dal Duomo per effettuare la processione più caratteristica fino alla chiesa di S. Agata dove poi sarà collocato fino all’anno successivo.

Testo a cura dei nostri collaboratori Daniele Pennisi e Sebastiano F. da Aci San Filippo

Galleria Fotografica
Foto a cura di Vincenzo Zappalà

vi consiglia:

5.411 visualizzazioni


Consigliamo