Processione Funebre dei “Misteri” – Avola (SR)

Data della Festa:
Venerdì Santo

Domenica delle Palme
Ad Avola, le funzioni della Settimana Santa iniziano la Domenica delle Palme. Ogni parrocchia si riunisce in un determinato luogo, rientrante nel proprio territorio, ove avviene la benedizione delle palme e dei rami di ulivo. Poi, in processione, si rientra in chiesa, ove ha luogo la solenne celebrazione della “Passio”. In particolare, la parrocchia della Chiesa Madre si riunisce presso la stazione per la benedizione delle palme e da qui si rientra in chiesa. Dodici parrocchiani impersonano gli Apostoli, mentre un altro impersona Gesù che, in groppa a un asinello, guida la processione.

Giovedì Santo
Come da tradizione, ogni parrocchia allestisce il proprio altarino dove viene esposto il Santissimo. Solitamente l’altarino coincide con l’altare centrale, tranne per la Chiesa Madre dove viene esposto presso la Cappella del SS. Sacramento.
Questi altarini hanno la caratteristica di essere allestiti con mini infiorate, ritraenti motivi religiosi, e con piantine di legumi, donate dai parrocchiani.
E’ tradizione degli avolesi, la sera tardi del Giovedì Santo, fare un vero e proprio pellegrinaggio da una chiesa all’ altra, per poter ammirare e pregare nei vari altarini. Intanto presso la Chiesa S. Antonio Abate vengono esposti i sei “Misteri” (a cui vanno aggiunti il Monumento con il Crocifisso amovibile esposti  la giornata del Venerdì) che verranno portati in processione la sera del Venerdì Santo.

Venerdì Santo
Certamente il Venerdì, così come la Domenica di Risurrezione, rappresenta il fulcro della Settimana Santa Avolese.
Le funzioni iniziano nel primo pomeriggio con la celebrazione della Passio, terminante con il bacio di un piccolo crocifisso.
Ma ciò che la gente attende è la funzione in Chiesa Madre delle “Sette Parole”. Presso l’ altare centrale della Matrice viene innalzato un Crocifisso amovibile con l’ Addolorata ai suoi piedi. Come se l’ altare fosse il Golgota, questa funzione ricorda le ultime “Sette Parole” di Gesù Crocifisso prima di spirare e tornare alla casa del Padre. La caratteristica di questo Crocifisso, conservato durante l’ anno nella Cappella del SS. Sacramento, è quella di avere la testa e le braccia “mobili”; per cui al termine delle Sette Parole, questo Crocifisso “abbassa” la testa e viene deposto dai sacerdoti delle varie parrocchie avolesi. E così il Crocifisso deposto viene portato in processione dai sacerdoti, sostenuto da una lettiga, verso la Chiesa S. Antonio Abate, dove si trovano il Monumento e i Sei Misteri.
Si giunge a sera tardi quando il Crocifisso deposto viene sistemato dentro il Monumento ed esce dalla Chiesa S. Antonio
assieme ai Misteri.
I Misteri rappresentano nell’ ordine Gesù nell’ orto degli Ulivi, Gesù alla Colonna, l’ Ecce Homo, Gesù che porta
la Croce, il Crocifisso e l’ Addolorata, seguita dal Monumento a chiudere il corteo. Ogni parrocchia ha il compito di portare in processione uno dei Misteri e alla Chiesa S. Antonio spetta l’ onore di portare il Monumento. Al termine della “Spina Santa”, ossia la processione serale dei Misteri con cui anticamente si portava in processione una Spina della Corona di Nostro Signore, il Crocifisso deposto viene prelevato dal Monumento e riportato in Chiesa Madre, avvolto in un lenzuolo.
La Matrice rimane aperta ancora a notte inoltrata, per permettere ai fedeli di salutare e baciare il Crocifisso del Monumento.

Testo a cura della nostra collaboratrice Carmen Salemi

Galleria Fotografica
relativa alla Domenica delle Palme, Giovedì Santo e Venerdì Santo

Foto a cura della nostra collaboratrice Carmen Salemi

vi consiglia:

4.657 visualizzazioni


Consigliamo