Anniversario della Lacrimazione di S. Maria delle Lacrime – Siracusa

Data della Festa:
29 Agosto/1 Settembre

Siracusa e Maria, un legame fortissimo della Vergine nei confronti di tutta la cittadinanza, espresso nel prodigio della lacrimazione di 53 anni fa ma anche nella grande presenza di grazia che emana e dona a tutti anche oggi.Siracusa “Città Mariana”, Siracusa “Città di Grazia”, Siracusa “Città di Santità”; Siracusa “Città di Maria”, Siracusa “Città di Cristo”.
Maria nel suo miracolo della lacrimazione ha dato una scossa a tutto il popolo siciliano, ed il suo messaggio, dopo 53 anni è ancora attuale; Papa Giovanni Paolo II, quando benedisse il nuovo Santuario disse che le lacrime della Madonna sono lacrime di speranza: speranza di una vita migliore, speranza di salvezza, speranza di vita, di gioia, di pace.
In questo mondo pieno di violenza e discordia Maria ci dona le speranza, con lei e con il suo aiuto si può andare avanti nella vita, solo con lei, affidandoci al suo Cuore Immacolato possiamo raggiungere la Santità e la Pace, assieme al lei che ci guida possiamo arrivare a Cristo; lei è la nostra avvocata, la nostra guida, la nostra speranza, lei cammina con noi e ci protegge con la sua preghiera e con il suo manto, nel momento del pericolo lei ci nasconde dietro il suo lungo mantello, e con il suo sguardo materno ci sorveglia e ci protegge quando siamo nei momenti di difficoltà, come una mamma fa con i propri piccoli; quando cadiamo nel peccato lei è la prima assieme a Cristo che ci risolleva da terra, dalle tenebre del male.
Lei piange per noi, lei piange al posto nostro,ci dice di non disperarci perchè è lei la Madre di Dolore, basta lei per le lacrime, lei si assume tutto il male del mondo, lei è la madre addolorata, ci dice di non piangere che già basta il dolore del suo cuore trafitto dai sette dolori del Calvario; ci dice di andare avanti e di non arrenderci nelle difficoltà perchè li c’è lei che piange per noi quando stiamo male, quando siamo nel peccato, ci dice di non disperarci. Queste sono le lacrime di Speranza.
Qui a Siracusa viene consacrata tutta la Sicilia al Cuore Immacolato di Maria, terra tanto cara alla vergine, terra ricca di miracoli per sua intercessione, isola mariana, isola ricca della presenza di Maria, terra di grandissima venerazione verso la Madre di Gesù e Madre Nostra.
Siracusa è diventata la capitale mariana grazie al miratolo della lacrimazione di un piccolo capezzale raffigurante il Cuore Immacolato di Maria che nel 1953, dal 29 agosto al 1 settembre, in una modesta casa di coniugi siracusani, la Madonna versò lacrime umane.
La chiesa, fatti degli studi appropriati sul caso, attestò che quelle lacrime erano veramente della lacrime umane e che quindi si trattava di miracolo.
Da quel momento Siracusa divenne la Patria di Maria e meta di moltissimi pellegrinaggi.
Dapprima si costruì un piccolo Santuario all’aperto in una piazza vicino alla casa dove era avvenuto il miracolo, con il quadro miracoloso posto su un’edicola votiva coperta da lamiere che facevano da tettoia per riparare la gente in preghiera dalla pioggia durante le celebrazioni eucaristiche in attesa della costruzione del grande Santuario li vicino.
Poi il quadro è stato spostato nella Cripta del nuovo Santuario in attesa della costruzione della Basilica superiore, e poi finalmente, nel 1993, alla presenza di papa Giovanni Paolo II, la Madonna è stata portata nella Basilica superiore posta sull’altare maggiore, mentre il papa benediceva il grande edificio sacro.
La grande Basilica è a forma di goccia, ed in cima, all’esterno è stata collocata una grande statua dorata della madonna che veglia su tutta la città e la zona, perchè questo è l’edificio più alto della città e quindi si può ammirare da tutte le parti, anche da molto lontano.
Nel 2003, quando è ricorso il 50° anniversario della lacrimazione, la Madonna è stata solennemente incoronata e questa corona ancora si ammira sopra il quadretto miracoloso.
Ogni anno i giorni dell’anniversario della lacrimazione sono sempre caratterizzati da una grande festa liturgica in Santuario ricca di intensi momenti di preghiera e celebrazioni di SS. Messe Solenni, ma nell’ultimo giorno dell’anniversario della lacrimazione, nel pomeriggio si è celebra il Solenne Pontificale di chiusura con un cardinale esterno che cambia ogni anno.
Al termine della celebrazione eucaristica, il Vescovo di Siracusa ha recitato il tradizionale affidamento della diocesi alla Madonna delle Lacrime.
La presenza di fedeli è stata come sempre molto elevata perchè tutti, soprattutto in quei giorni, vanno a venerare, onorare e ringraziare la Madonna, e non solo i riracuani, ma la devozione verso la Madonna delle Lacrime è estesa anche a tutta la Sicilia ed anche in tutto il mondo, che vengono in pellegrinaggio a Siracusa con i pulman da lontano.
Una curiosità: la madonna delle Lacrime come detto prima è famosa anche in tutto il mondo perchè a Nazaret, per farne un esempio, vi è un cortile dove le varie nazioni hanno preparato un loro mosaico; tra di questi, tra i mosaici italiani vi è pure raffigurata la Madonna delle Lacrime di Siracusa.

Testo a cura di Vincenzo Zappalà

Galleria Fotografica
Foto a cura di Vincenzo Zappalà

vi consiglia:

5.542 visualizzazioni


Consigliamo