Martedì Santo – Enna

Data della Festa:
Martedì Santo

Penultimo giorno di adorazione
Alle 16:00, dalla chiesa di San Bartolomeo, parte la confraternita dello Spirito Santo alla volta del Duomo. Camice bianco stretto sulla vita da una fascia color verde, con due risvolti a nappe pendenti dal lato destro, mantella in panno di colore amaranto recante a sinistra l’effigie dello Spirito Santo, e guanti verdi.
Fondata nel 1800, riuniva gli agricoltori ed i massari di Fundrisi. La sua storia è intrisa di avvenimenti non particolarmente felici: pare infatti che i membri dell’originaria confraternita si siano costituiti in un periodo storico in cui essi avevano perduto parte del loro potere, con lo scopo di partecipare alle celebrazioni della Settimana Santa; diritto negato per un breve periodo da cittadini di altri quartieri che si ritenevano socialmente più elevati e pervasi da un quantomeno discutibile perbenismo. La ragione era da ricercare nel fatto che i membri della confraternita abitavano nella zona di Fundrisi, rione dove si parlava un dialetto marcato, ente paesano. Dal 1805 la confraternita ha ottenuto il privilegio di solennizzare la “Spartenza”. La confraternita apre i riti della Settimana Santa, e partecipa con l’effigie della SS. Trinità alla processione della Patrona. Dal 1996 i confrati portano a spalla, durante la processione del 5 dicembre, il simulacro del Compatrono della città, il Beato Girolamo De Angelis, martire ennese venerato nella chiesa di San Bartolomeo.
Alle ore 17:00 si reca in Duomo l’Arciconfraternita delle Anime Sante del Purgatorio. Mantella nera, abitino di cotone nero, cingolo intrecciato con filo nero, coroncina composta da dieci sfere nere terminante con una croce snodata nera ed un teschio con le ossa incrociate, e guanti neri. Istituita il 9 ottobre 1615 dal parroco della chiesa di San Bartolomeo, Don Giacomo Pregadio, che proprio in quell’anno fece costruire una cappella dedicata al culto delle Anime del Purgatorio. Fu denominata anche Confraternita della Buona Morte in quanto Carlo IV Re di Spagna la investì dei poteri di assistere i condannati alla pene capitale, e di liberarne tre il 2 novembre di ogni anno. In virtù dei titoli “Venerabile” e “Lata” che le furono attribuiti dal Vicerè di Sicilia nel 1712, fu chiamata “Arciconfraternita”.
A concludere la giornata di adorazione è il collegio di San Giuseppe alle ore 18:00. Mantella damascata verde oliva con cingolo verdastro e medaglione in argento raffigurante la Sacra Famiglia. Fondata nel 1580 dai Confrati del Transito del Patriarca, e ricostituita nel 1934, riunì il Collegio della Passione di S. Giuseppe, fondato nel 1509, il Collegio di Sant’Apollonia del 1557, e la Confraternita di San Girolamo e Sant’Apollonio del 1516. Il suo ruolo fu quello di avvicinare i laici, specie il popolo e le borghesia, alla vita cattolica.  I confrati di S. Giuseppe hanno il privilegio di portare la Madonna che nel giorno di Pasqua si incontra con il Cristo Risorto nella ricorrenza della tradizionale “Paci”, per poi dividersi sette giorni dopo durante la “Spartenza”.

Testo a cura del nostro collaboratore Antonio Messina

Galleria Fotografica
Foto a cura dei nostri collaboratori Antonio Messina e Francesco Campione

ORE 16,00: CONFRATERNITA DELLO SPIRITO SANTO

ORE 17,00: ARCICONFRATERNITA DELLE ANIME SANTE DEL PURGATORIO

ORE 18,00: CONFRATERNITA DI SAN GIUSEPPE

vi consiglia:

4.700 visualizzazioni


Consigliamo